ADDIE: il modello e-learning applicato da Invisiblefarm

Nello sviluppo di corsi e-learning una buona progettazione dei contenuti è fondamentale. A differenza della formazione tradizionale, dove lo sforzo maggiore è concentrato sull’organizzazione delle sessioni di formazione, nell’e-learning, la progettazione e lo sviluppo dei materiali e delle metodologie didattiche prendono un posto di rilievo. Grazie alla cura di questi elementi è possibile consentire un percorso efficace e di elevata qualità.

L’importanza dello sviluppo dei contenuti nei corsi e-learning ha un riscontro immediato nel loro riutilizzo. Elementi ben sviluppati e strutturati, come lezioni, elementi multimediali, schemi e animazioni, possono essere utilizzati in diversi contesti e con gruppi di discenti eterogenei.
Da qui l’importanza dell’Instructional Design (ID), ovvero l’attività di progettazione della formazione che applicando le diverse teorie dell’apprendimento e dell’istruzione alla realizzazione del percorso garantisce esiti positivi per gli utilizzatori.

Esistono innumerevoli modelli di ID, la maggior parte dei quali si basa sul più conosciuto modello ADDIE (Analysis, Design, Development, Implementation, Evalutation), nato intorno al 1975 grazie al lavoro degli studiosi Briggs e Branson, impiegati nel Centro per le Tecnologie Didattiche presso la Florida State University. L’acronimo ADDIE è composto delle parole chiave che definiscono le cinque fasi su cui si sviluppa il modello.

La prima di queste fasi, ANALYSIS, consiste nello studio dei bisogni del discente e delle relative lacune da colmare e nell’analisi dei risultati attesi in esito al corso. Questa analisi è importante sia per identificare le competenze richieste agli studenti, quelle da rafforzare e quelle da completare; sia per determinare i contenuti del corso e la loro propedeuticità.

Nella fase successiva, DESIGN, vi è la progettazione del percorso, con la definizione degli obiettivi di apprendimento necessari, l’ordine in cui questi andranno affrontati e la strategia da attuare per raggiungerli. Il risultato di questa fase andrà utilizzato come riferimento per lo sviluppo del corso e-learning e comprenderà la struttura dei contenuti, gli obiettivi associati a ciascuna unità formativa, ed i metodi di fruizione dei contenuti.

Nel DEVELOPMENT, ovvero lo sviluppo, il contenuto del corso viene effettivamente prodotto.
Nei corsi e-learning i contenuti possono variare notevolmente, a seconda delle risorse disponibili. Possono essere costituiti da semplici materiali testuali, come pdf, che possono essere combinati con materiali come audio, video e test di apprendimento; oppure possono comprendere contenuti multimediali interattivi più elaborati.
Lo sviluppo di corsi interattivi viene normalmente suddiviso in tre fasi: nella prima vi è lo sviluppo del contenuto, scrivendo e raccogliendo tutte le informazioni necessarie; nella seconda si crea lo storyboard del corso, integrando i metodi didattici con gli elementi multimediali; mentre nell’ultima fase vi è lo sviluppo vero e proprio del corso.

La quarta fase del modello, IMPLEMETATION, riguarda l’implementazione del corso, ovvero la diffusione ai discenti del materiale didattico, attraverso una piattaforma e-learning, e l’integrazione dei servizi forniti, come la gestione e l’agevolazione delle attività degli studenti, o attività di e-mentoring.

Nell’ultima fase, EVALUATION, vengono valutati diversi elementi del corso fruito: è possibile effettuare test per rilevare il livello di qualità percepito dai discenti, verificare il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento, oppure valutare il trasferimento delle conoscenze e competenze professionali ed il ritorno economico dell’investimento per l’azienda.

Invisiblefarm costruisce i servizi e i prodotti per la formazione avvalendosi delle competenze di diversi esperti impegnati nelle attività critiche richieste dal modello progettuale.
Metodologi didattici con esperienza di e-learning, grafici e disegnatori, progettisti multimediali ed esperti di audio e video-editing, copywriter impegnati nella produzione, correzione e analisi degli elementi narrativi dei corsi e tecnici informatici in grado di vestire con la soluzione tecnologia più adeguata le diverse esigenze di personalizzazione dei clienti, contribuiscono alla realizzazione di servizi di elevata qualità.
È opportuno ricordare, infatti, che sebbene ADDIE sia il più seguito modello di creazione di percorsi didattici, le diverse fasi che abbiamo descritto possono variare considerevolmente a seconda delle diverse esigenze. I progetti di e-learning possono differenziarsi molto in termini di complessità e dimensioni, ed i diversi passaggi descritti possono essere, a volte saltati oppure semplificati, in base ad obiettivi e requisiti, come budget, competenze, o vincoli organizzativi.
Share on :